Approfittiamo di questi giorni per rilanciare le Linee progettuali per la Pastorale Giovanile italiana, «una cassetta degli attrezzi nella quale ci sono gli strumenti per lavorare e con i quali adesso ci si mette all’opera» (Don Michele Falabretti, Incaricato del Servizio nazionale per la pastorale giovanile della CEI).

Presentate proprio al termine del decennio che la Chiesa italiana ha dedicato al tema educativo e dopo il Sinodo 2018 su «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale» durante il XVI Convegno nazionale di pastorale giovanile «Dare casa al futuro», svoltosi a Terrasini (PA) dal 29 aprile al 2 maggio 2019, esse rappresentano il frutto maturo di un lungo percorso e strumento utilissimo per aiutare a fare sintesi, tradurre nella pratica le indicazioni dei vescovi e del Papa emerse nell’assise dell’ottobre 2019 e sostenere il lavoro nei territori.

L’equipe del Servizio diocesano per la pastorale giovanile ha avuto occasione di approfondirle anche durante il Convegno regionale di pastorale giovanile e vocazionale «Progettiamo la nostra casa: fortes che nuraghes», svoltosi ad Alghero dal 20 al 22 settembre 2019, occasione unica di formazione e dibattito per i 29 partecipanti della nostra Diocesi insieme alle altre consulte diocesane di PG e PV di tutta la Sardegna.

Lavorare insieme non è mai cosa semplice, ancor di più in questo momento nel quale si rende sempre più necessaria una personalizzazione e una diversificazione dei percorsi.

Papa Francesco ci ricorda che non esistono “i giovani” come destinatari generici della pastorale giovanile, ma ciascun giovane necessita di attenzioni e proposte concrete, calibrate in base al contesto in cui vive e al suo vissuto personale

Per utilizzare la metafora dell’irrigazione, è necessario il passaggio e la conversione da una pastorale “a getto”, basata solo su grandi eventi (servono anche quelli), ad una pastorale “a goccia” che nel concreto proponga diverse formule e modalità di attenzione e di accompagnamento personalizzato dei giovani.

Pertanto sarebbe bello che questo documento non restasse impolverato nelle scrivanie (o peggio ancora nei database di un lontano Ufficio Nazionale), ma trovasse ampio utilizzo proprio come punto di partenza per la nostra progettazione pastorale in favore dei giovani. A tal proposito condividiamo con voi un po’ di materiale utile.

Qui sotto il video e le slides della presentazione delle Linee progettuali per la pastorale giovanile italiana, a cura di Don Michele Falabretti:

Qui invece offriamo alcuni riassunti delle tree aree tematiche preparati dal Servizio Regionale di Pastorale Giovanile, guidato da Don Enrico Perlato:

Nulla tuttavia è meglio del testo originale. Pertanto invitiamo tutti coloro che abbiano un ruolo educativo nei confronti dei giovani (presbiteri, genitori, catechisti, educatori, animatori, etc.) ad acquistare le Linee progettuali per la pastorale giovanile italiana cliccando qui.

Sono a disposizione anche alcune Schede di approfondimento, per aiutare chi è ancora agli inizi nel percorso di rilettura del Sinodo e delle Linee progettuali.